“A scuola ci hanno dato un compito: una recensione. Non ne ho mai fatte e non credo neanche sia il lavoro che voglio fare, oggi l’ho consegnata – a uno direi ferrato in materia – e mi aspetto varie critiche, anche perché non sono neanche sicuro che sia effettivamente una recensione.
Però intanto la condivido qui, per tanti motivi. Perché il libro di Edoardo Maturo (Papà, Van Basten e altri supereroi) l’ho finanziato con il crowdfunding, l’ho divorato in un pomeriggio e l’hanno letto anche mia mamma e mia nonna, che tengono al Toro, per dire. E poi perché, anche se è da giorni che fingo disinteresse e cerco di autoconvincermi che “sono professionisti, il calcio funziona così, non è solo colpa di Raiola”, forse sotto sotto tutta questa storia una lezione l’ha data a me, più che al piccolo Leonardo.
Come far innamorare tuo figlio della tua squadra del cuore, soprattutto se sono anni che non vince più nulla? Rendendo tutto un grande cartone animato, trasformando Marco Van Basten nel «supereroe dei supereroi», «diciamo un incrocio tra Batman, Spiderman e Oliver Hutton (il protagonista di Holly e Benji) messi insieme», e raccontandogli sera dopo sera, al posto delle favole delle buonanotte, le storie delle vittorie di Kaiser Franz (Franco Baresi), Cuore di Drago (Paolo Maldini) e del Bambino d’Oro (Kakà). Edoardo Maturo, 34 anni, lo ha fatto davvero: ha raccolto tutto in Papà, Van Basten e altri supereroi e ha folgorato sulla via del milanismo il piccolo Leonardo.
Nel libro non c’è mezza parola su Gigio Donnarumma, perché il papà ha raccontato le storie al figlio durante la stagione 2014-2015, quando sulla panchina del Milan c’era Filippo Inzaghi e in porta Diego Lopez. Ai tempi Gigio giocava (poco) in Primavera. Eppure, visto il parziale riscatto rossonero nell’ultimo anno, con anche la Supercoppa Italiana vinta contro la Juventus, è inevitabile che Donnarumma sia diventato il supereroe numero uno della sua infanzia. Leonardo lo ha detto timidamente durante l’evento di presentazione e il padre lo ha confermato due volte su Instagram. La prima il 30 marzo, con la dedica sulla copia spedita al portiere: «A Gigio, il supereroe preferito di mio figlio». La seconda il 21 maggio con una foto che li ritraeva insieme: «Leo, @gigiodonna99 e i nuovi supereroi. E io piango». Da qualche giorno però Donnarumma ha rotto con il Milan, comunicando di non voler rinnovare il suo contratto. Probabilmente verrà ceduto già quest’estate, si parla di Real Madrid. Un capitolo, una storia, un insegnamento in più per il piccolo Leonardo: esistono anche i supereroi cattivi”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *