Festeggiando il primo anno di papavanbasten, il sentimento che prevale su tutti gli altri è la gratitudine. Non solo per avermi fatto conoscere tante persone che condividono la mia stessa passione viscerale per il Milan, ma per avermi fatto tornare in qualche modo alle origini di questo grande amore. Può sembrare paradossale, in un momento complicato come questo, ma ora più che mai mi sento orgogliosa di far parte di questa grande comunità rossonera. Perché noi tifosi ci siamo sempre stati, passando dalla B ai trionfi degli Immortali, dal buio di Marsiglia alle luci di Manchester.

Papavanbasten ci ricorda ogni giorno che noi milanisti non siamo solo dei vecchi nostalgici, ma degli appassionati che trovano sempre il modo di rialzarsi dalle proprie sconfitte.

Per aspera ad astra!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *