30 giugno 2017. Il libro Papà, van Basten e altri supereroi era uscito da tre mesi e da allora sulla mia casella di posta si era abbattuto un diluvio di messaggi di persone che ci tenevano non solo a farmi sapere che avevano letto il libro ma che, soprattutto, ci tenevano a condividere con me le emozioni che la lettura del libro gli aveva suscitato.

Marco per esempio mi ha raccontato di quando suo nonno lo portò allo stadio per la prima volta iniziandolo per sempre al milanismo; Giovanni mi ha mandato la sua foto mentre legge le mie favole a suo figlio; Maria mi ha spiegato cosa significa crescere un figlio milanista in onore di un padre che purtroppo non c’è più.
Più passavo le mie serate a leggere e rileggere questi messaggi e più mi rendevo conto che queste storie non potevano rimanere solo nel mio computer ma meritavamo di essere convidise e tramandate al mondo.

E così ho iniziato a parlarne con alcuni dei frequentatori più assidui dei social di papavanbasten: Daniele, Luca, Ilaria, Roberta, Silvio e tanti altri.
È in quel momento che nasce, un po’ per gioco, papavanbasten.com: una comunità prima di tutto, e poi un luogo virtuale dove raccontare storie estremamente reali. Storie di papà, mamme, figli, nonni, persone unite da un unico filo rosso (e nero): l’amore per il Milan.

Allora non sapevamo bene cosa aspettarci, avevamo solo voglia di partire. Oggi, appena 365 giorni dopo, possiamo dire che papavanbasten.com è una comunità in continua evoluzione – grazie ai più recenti arrivi di Irene, Antonio e altri – e’ un sito che i dati dicono essere ormai letto in tutto il mondo. In un anno siamo riusciti a realizzare sogni come quelli di Convinto, che sognava di andare un giorno allo stadio con i propri figli, e a raccontare storie come quella di Luca, che aspettava solo i gol della sua squadra per poter abbracciare suo padre.

Non so dire dove sarà papavanbasten tra un anno, l’unica cosa che so è che ho conosciuto persone meravigliose e che le loro storie continueranno a vivere per sempre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *