Esordio in Lussemburgo per i Rossoneri contro il temibilissimo Dudelange. I padroni di casa vantano:

– 10 tornei del Sabato
– 6 coppe degli scapoli
– 4 campionati della Parrocchia

Quindi dato il curriculum di primissimo piano, un Gattuso apparentemente spaventato decide di premunirsi schierando qualche titolare.

Tra i pali esordio per Pepe Reina, pronto a mettersi in mostra per chiedere anche lui lo stipendio di Donnarumma.

Fascia destra lasciata incustodita grazie alla presenza di Abate, sinistra affidata a Laxalt che dopo aver completato l’addestramento col Maestro Miyagi è pronto per l’esordio dal primo minuto.

La coppia centrale sarà composta da Romagnoli e Caldara che di fatto sono gli unici due a disposizione.

Centrocampo che sarà probabilmente guidato da Bertolacci con due tra Mauri, Montolivo e Biglia a fargli da scudieri per ricreare un trio pari al leggendario Xavi-Iniesta-Busquets. Gattuso ha chiesto di sfruttare al massimo la classe smisurata dell’ex genoano che dovrà dare il cambio marcia al Milan.

Il trio d’attacco vedrà Castillejo (gentilmente concesso dal Milan femminile), Higuain al quale per natale abbiamo già capito che dovremo regalare 2 bombole d’ossigeno e il nostro Bora Bora Borini che cerca la rincorsa a Inzaghi e Raul nella classifica dei gol europei “all-time”.

Da segnalare la qualità avversaria che lascia addirittura in panchina Ibrahimovic, snobbandoci così malamente.

Non convocati Musacchio, Suso, Bonaventura e Cutrone perché troppo spaventati dai lussemburghesi.

di Kalinic, Borini e altri Supereroi 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *