Nel giorno del compleanno di un grandissimo della storia del Milan (Cristian Zapata), tornano a vincere i rossoneri, su un campo tosto come quello di Reggio Emilia.

Primo tempo chiuso in vantaggio dal Milan che pur segnando e avendo un paio di occasioni ottime soffre parecchio il gioco neroverde.
Di Francesco inizialmente si illude di essere ad una partita di bowling data la facilità nel saltare il birillo Abate, che però ad un tratto, si ricorda che percepisce ancora uno stipendio e prova ad onorarlo salvando il risultato con un intervento prodigioso sempre sul figlio dell’ex allenatore del Sassuolo.
Al minuto 39′ Kessie attiva la modalità trattore e si lancia verso la porta siglando l’1 a 0 che manda il Milan in vantaggio all’intervallo.

Il secondo tempo è di controllo del Milan, che memore dei risultati delle ultime giornate, si ricorda che prendersi più di un gol di vantaggio è assolutamente regolare. Quindi prima Suso si sblocca, dopo 19392919137372828 minuti di astinenza, con un tiro a giro da fuori e poi Castillejo che dopo aver giocato a mezzogiorno con il Milan femminile, si dimostra ancora caldo e trova il 3 a 0 che chiude i giochi.

Non contenti però, per non rovinare la striscia di gol subiti, il Milan ha un quarto d’ora di sofferenza dove si fa schiacciare subendo l’1 a 3.
Dopo i cambi di Gattuso, ritrova ordine e nel finale trova anche il quarto gol con un tiro deviato di Suso.

MIGLIORI:

Kessie: da Kessiemangiato a Kegiocatore. Dominante.
#TheTankIsBackInTown

Suso: il cardellino torna a librare come ai tempi migliori. Toglie la ragnatela dal sette sul primo goal.
#Spidersuso

Castillejo: il fisico non c’è, ma la qualità e la faccia da Pidgeotto sì.
#PiccioneIberico

PEGGIORI:

Bonaventura: spaesato in campo come Salvini ad un raduno del Pd. #Ruspa

Marlos: difensore brasiliano con la stessa lucidità davanti alla porta di un attaccante brasiliano sotto porta.
#RobinhoAreYou?

Rogerio: gira come i tornelli della metro per cercare di contenere un Suso in grande forma. #AjejeBrazdorf

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *