Ecco di seguito le parole di Gattuso dopo la sconfitta nel derby di ieri sera:

PASSO INDIETRO: Passo indietro a livello tecnico, ma in avanti in termini di continuità di mentalità – lo chiedevo da diverso tempo. Abbiamo giocato contro una squadra fisicamente molto più forte e siamo stati molto bravi. A livello tecnico però abbiamo fatto un passo indietro, siamo andati in difficoltà. Quando abbiamo preso gol per un errore, era il nostro momento migliore, con qualche spazio preso in più. L’Inter ha meritato, ma non penso che la nostra prestazione sia stata da buttare via. La squadra mi è piaciuta molto fisicamente e mentalmente.

DONNARUMMA: Quando si perdono le partite, la colpa è dell’allenatore e la seconda è di tutti i giocatori, perché analizzando il gol si parla di una palla messa al buio su cui Donnarumma è uscito male, ma anche Romagnoli e Musacchio potevano fare meglio.

FRECCIATA DI SPALLETTI? Complimenti a Spalletti che ha vinto un grandissimo derby, spero di rifarmi, oggi ha vinto lui ma ho 40 anni… vediamo. (La domanda riguarda la questione della qualità maggiore per quanto riguarda il Milan e il fatto che Spalletti abbia detto “bisogna poi vedere se la sa usare meglio”)

TENSIONE: La squadra secondo me ha dato tutto, non credo che la tensione li abbia trattenuti. L’Inter non ha creato palle gol, il palo nasce da un fallo laterale battuto veloce e gli altri pericoli sono arrivati dai calci piazzati, grazie alla loro fisicità. Non è un’offesa quando dico che loro sono una squadra fisica, secondo me la nostra qualità nello sviluppo di gioco ne ha risentito per via del raddoppio che ho richiesto agli esterni e le mezzeali, il che ha causato fatiche a riempire l’area avversaria.

ICARDI E HIGUAÌN: Higuaín si è sicuramente innervosito perché aveva attaccato bene la profondità senza essere servito nel primo tempo, poi non siamo stati abbastanza bravi noi nello sfruttarlo.

QUANTE COSE POSITIVE E NEGATIVE? L’ho detto prima, ci sono tante cose positive in questa partita, ho visto la squadra che ha giocato contro di loro con questa mentalità e voglia sia positivo. Non possiamo pensare di giocare contro l’Inter senza aggressività e quando abbiamo fatto pressione alta si è visto che loro sono arrivati in porta con il giropalla. Sicuramente il rammarico più grande sono gli ultimi quindici minuti e come abbiamo sviluppato noi a campo aperto, sbagliando l’ultima scelta. Era la partita che volevamo e che avevo chiesto ai ragazzi.

COSA DIRE A  DONNARUMMA DOPO L’ERRORE? Non devo dargli nessun consiglio, quella di Dida contro il Leeds fu molto peggio (paragonata dal giornalista, ndr). Oggi lui poteva rimanere in porta, forse, ma il paragone non ci sta. Poi parliamo di un portiere di cui tutti scrivevate essere in salute e che si sta ritrovando, quello che mi viene in testa è che questa sconfitta bruci e che dobbiamo saper mettere da parte, perché siamo alla nona giornata e non è stata una partita da buttare. Questo vale per tutti, dobbiamo lavorare con serenità.

PER LA CLASSIFICA: Penso che abbiamo avuto alti e bassi, per questo motivo oggi invece mi siamo piaciuti, rimanendo sempre in partita e ordinati. Abbiamo concesso poco, sicuramente per quanto espresso in tutto il campionato meritavamo qualcosa in più e tante partite le abbiamo buttate via noi. Se vinciamo il recupero contro il Genoa, comunque, la classifica non è così brutta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *