Sfida importantissima per il Milan, per rimanere agganciati al treno Champions e distaccare Roma e Fiorentina che si sono annullate con un pareggio nella gara di Sabato. Rossoneri in campo con un 442 ordinato ed equilibrato, gettone per riscattarsi a Bakayoko che non ha deluso le aspettative

La partita

Alla Dacia Arena va in scena un sogno di mezzo autunno.

Primo tempo equilibratissimo, Udinese più propositiva e arrembante, Milan più prudente e sulla difensiva a causa delle tante assenze. Occasioni sia da una parte che dall’altra.

Al 30’ il pipita è costretto ad uscire per un colpo alla schiena, va a raggiungere così Biglia e Calhanoglu per una cena a base di asado e Kebab.

All’intervallo si ha la sensazione che la partita possa essere aperta a qualsiasi finale, la situazione è la stessa di quando d’estate sulla spiaggia si gioca al gioco della bottiglia e mentre questa gira sei lì a pregare che non ti esca la più brutta del litorale.

Secondo tempo decisamente più vivace, la principessa Castillejo oggi ha la gamba frizzantina, ubriaca gli avversari in velocità talmente tanto che a fine partita lo staff medico distribuisce aspirine ai giocatori dell’Udinese per il post sbornia.

I Friulani dal 70’ in poi sono in ginocchio, Bakayoko bullizza tutti sulla mediana come Nelson alla scuola elementare di Springfield.

Palle goal su palle goal nel finale per i rossoneri, che però decidono di sprecarle tutte come Fedez e la Ferragni sprecano verdure nei supermercati.

Attenzione però ai minuti finali ad alta tensione, prima Nuytinck entra in campo e nemmeno il tempo di sudare la maglia si fa espellere per un fallo da dietro su Castillejo, poi il capitano recupera palla a centrocampo su un errore non da poku di Opoku, ripartenza fulminea, palla a cutrone, rientra, scambio in area, palla a Romagnoli che con un sinistro secco la insacca e si gode!

Anni passati a cercare un attaccante che segnasse con regolarità e poi lo avevamo in difesa.

Nota di merito a Borini, che entra nel secondo tempo e non sfascia la partita, bentornato supereroe❤

Finisce 0-1 per il Milan, ora testa al Betis e alla Juventus!

 

TOP & FLOP

Top:

Romagnoli: Roma non è stata costruita in un giorno. Lui costruisce vittorie in un secondo #Sentenza

Bakayoko: gli alieni di space jam gli devono aver ridato il talento e lui a tratti sembra quello visto al monaco. #TuSiQueVales

Castillejo: entra e fa quel tanto che basta a far vendere parecchie aspirine per i difensori avversari #Vivinc

Pussetto: una spina nel fianco di Abate anche se anche Abate è una spina nel fianco per sé stesso. #Punteruolo

Flop:

Samir: il macellaio sotto casa mia avrebbe trattato meglio Suso. #JackLoSquartatore

Laxalt: vedendo il nostro eroe Borini da troppo tempo in panchina, decide di giocare male per far avere anche a lui il suo momento di gloria. #QuasiAmici

Nuytinck: la fusione tra Senderos e Stam entra per fare il macellaio, cerca di spolpare il pollastrello Castillejo, ma l’arbitro lo espelle prima che ci riesca #PettoOCoscia?

Opoku: prova opaka per opoku. #Scusateci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *