4a giornata di Europa League per i rossoneri che vanno a Siviglia alla ricerca del colpo decisivo per mettere in cassaforte la qualificazione.

Le formazioni:

Gattuso anche stasera mette il camice e inizia a fare il piccolo chimico, cambiando ancora modulo, 352 con i giocatori più fuori posizione delle ossa dell’allegro chirurgo quando a giocarci è un bambino di 5 anni.

Reina tra i pali, il tris difensivo con Rodriguez, Musacchio e Zapata.
A centrocampo senza Biglia che sarà out per 4 mesi, troviamo il genio della lampada Bakayoko, Il tank Kessie e Calhanoglu appena tornato da forum dove discuteva il divorzio con la moglie.
Gli esterni invece sono Borini e Laxalt che dovranno cercare di far arrivare qualche cross a Cutrone unica punta con Suso appena dietro pronto a supportarlo.

La cronaca

Il primo tempo è totalmente pro Betis che sfoggia un tiki taka stile Barcellona, con il Milan che resta a guardare.
Il pezzo forte dei Rossoneri lo troviamo sulle fasce, Borini ha il tempismo nell’anticipo di un centrometrista che fa una falsa partenza, e dalla sua parte i giocatori del Betis arrivano con facilità sul fondo. Dall’altra parte un Laxalt che fatica a capire che il campo finisce e che non si può passare attraverso agli avversari, continuando a sbatterci contro.

Al minuto 12′ è ancora Lo Celso che dopo il gol dell’andata fa il bis mandando avanti i suoi. Squadra spagnola che sfiora più volte il gol, non trovandolo per un po’ di mancanza di cattiveria.

Si chiude sull’1 a 0 il primo tempo con Gattuso pronto a ringhiare negli spogliatoi.

Il secondo tempo presenta modifiche al modulo, Suso che da seconda punta sembrava persino più fuori ruolo di Borini in un campo da calcio, torna a fare l’esterno e il Milan torna ad attaccare.

Dopo un paio di buone occasioni, è proprio il cardellino rossonero con una punizione (che doveva essere un cross) a trovare il pari.

Da questo momento non ci saranno più emozioni, tolto nel finale con il Betis a un passo dal 2 a 1, negato da Reina in versione portiere, dopo che aveva ancora da compiere una parata in 4 match.

Finisce in pareggio, sarà decisiva la gara in Grecia contro l’Olimpiakos.

TOP & FLOP

TOP

Suso: nel primo tempo non gli esce un passo di flamenco, nel secondo lo balla a casa sua.
#LaBallerinaDiCadice

Bakayoko: oggi in campo martella fisicamente il centrocampo del betis come se stesse giocando ad “Acchiappa la talpa”.
#Martellone

Lo Celso: sta più lui sullo stomaco alla difesa del Milan, che la peperonata alle 7 di mattina ad Aldo.
#APranzoTopiMorti?

FLOP

Laxalt: la prossima laxalta vero?
Secondo noi potrebbe laurearsi campione nel salto del Big Match
#AndrewHowe

Abate: entra nel secondo tempo e fa il suo, ovvero ritardi in chiusura e palle regalate agli avversari.
#IoSperiamoCheMeLaCavo

Borini: corre, corre e corre. per noi puo correre via da milanello #SempreSupereroe

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *