Il Milan viene chiamato per l’ennesima volta a riscattarsi. Oggi è il temibilissimo Frosinone ad ospitarci.

Le formazioni

Gattuso torna a sfoderare il suo 433 con ciò che gli resta, torna Musacchio in coppia con Romagnoli per consentire a Zapata di concentrarsi con calma, torna la diga Kessie-Bakayoko e torna un “Must” come Cutrone ala neanche fosse Donadoni.

Dall’altra parte il Frosinone risponde con la forza fisica del Kante della ciociaria Chibsah, l’eterna promessa Pinamonti e la super star mondiale, serio candidato al pallone d’oro nei prossimi anni, Camillo Ciano.

La cronaca

La partenza è discreta, il Milan mette Cutrone davanti al portiere, ma il Pungliglione oggi sembra avere lo stesso senso del gol di Luiz Adriano.

Piano piano Calhanoglu inizia a sprecare palloni e il Frosinone sale di livello, da partita controllata, diventa una partita alla pari. Il più pericoloso risulta l‘orgoglio femminile Castillejo che colpisce un palo sul quale Sportiello però, si mostra reattivo quanto Dida dopo il petardo in testa.

Si chiude con Donnarumma che respinge il Frosinone sullo 0 a 0.

Il secondo tempo diventa piatto, il Frosinone inizia a maturare l’idea che un pari sia ottimo e lascia iniziativa al Milan che però fatica a capire che per vincere bisogna far gol.

Gattuso vedendo Castillejo giocar troppo bene lo sposta in mezzo per tornare a farlo sentire un pesce fuor d’acqua, i minuti passano, Higuain ieri è restato seriamente a dieta e oggi preso da una crisi di fame inizia a mangiarsi qualsiasi principio di occasione. Arriva così il momento dei cambi, spazio per Conti e ancora lui, Laxalt, che per la 20esima partita consecutiva, riesce a incidere come i 7 nani in una partita di basket.

Nel finale c’è spazio per un paio di occasioni per parte, ma l’appetito del Pipita e la bravura di Gigio, fanno sì che la partita finisca ancora 0 a 0.

Continua la crisi senza fine.

 

TOP & FLOP

Top:

Bakayoko: le sue lunghe leve arrivano ovunque, la leggenda delle 3 gambe potrebbe essere vera.#Trepiede

Ciano: Camillo Ciano conte di Frosinone, oggi sfodera una prestazione degna di nota. Peccato per il Var che gli nega il gol che lo avrebbe lanciato verso la scarpa d’oro #pichichi

Donnarumma: per Natale gli avranno regalato delle calamite da mettere nei guanti, le prende tutte e salva il pareggio.#Magneton

Chibsah: rischia di finire la carriera quando decide di fare un tunnel a Bakayoko. Oggi lo troviamo ovunque #ngolokante

Flop:

Kessie: i postumi del cenone di sono fatti sentire, appesantito ancora dal panettone ripieno.#Mammahopreso6kili 

Higuain: avrà mangiato così tanti panettoni che anche i suoi piedi sembrano 2 panettoni, i suoi tiri fanno più schifo dei canditi.#Indigesto

Gattuso: prima non cambiava modulo nemmeno sotto tortura, ora lo cambia come un play boy cambia donna. #cosiconfusodacolpirsidasolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *