La partita

Match importantissimo per la corsa al 4o posto tra Milan e Atalanta. Formazioni tipo per entrambe le squadre, sfida accesissima tra le due punte più prolifiche dell’ultimo periodo, Piatek-Zapata ricorda quasi l’incontro Mcgregor-Mayweather.

La cronaca

Partita che si apre col botto, i primi 10 minuti sono asfissianti, entrambe le squadre corrono e lottano su ogni centimetro di campo, passata questa agonia i giocatori si ricordano di respirare e la partita si assesta.

Il possesso palla è a favore dei bergamaschi ma le occasioni più concrete arrivano prima per i rossoneri, sfortunatamente però cadono sulla testa e sui piedi di Kessie, che ultimamente sotto porta mostra la lucidità del condor croato Kalinic.

Al 33’ va in vantaggio l’Atalanta, Freuler buca i guanti di Donnarumma su assist di Ilicic, che prima di scodellarla dentro ha cambiato il pannolino a Rodriguez.

Milan che sembra accusare il colpo dello svantaggio, un paio di occasioni per la Dea, ma al 45’ su assist di Rodriguez arriva la prodezza di Piatek, sinistro al volo da cineteca e scaraventa il pallone in porta come avrebbe fatto Thor con il suo martello. 1-1 all’intervallo.

Secondo tempo che si apre sulla falsa riga della fine del primo, al 56’ accade un evento che ha del paranormale, Calhanoglu si accentra, botta di destro e palla in rete. 2-1. Gli alieni ci hanno restituito il turco.

Preso alla sprovvista Gasp tenta la famosissima botta di Kulusevski inserendolo al posto del Papu Gomez, ma solo un minuto dopo accade il secondo evento paranormale della serata, calcio d’angolo battuto forte dal Turco e Piatek la insacca di testa, l’ultimo goal da angolo risale a Marzo 2018 e a segnarlo era sempre stato il numero 19…chi indossasse la maglia in quel momento non ci ricordiamo chi sia…Partita che scivola verso la fine in sicurezza con poche occasioni per la Dea, 3 punti d’oro e -1 dai cugini capitanati da Mauro Icardi.

TOP E FLOP

Top:

Paquetà: ubriaca più e più volte tutti i giocatori dell’Atalanta, si narra che dopo questa partita alcuni di loro siano andati in depressione.#Tavernello

Ilicic: l’unico che sembra avere il guizzo giusto, si inventa un assist mettendo a sedere Rodriguez come una mamma mette a sedere il proprio figlioletto appena sgridato. #CiaoMamma

Çalhanoglu: torna ad illuminare San Siro con un bell’assist e poi monta il cannone al piede per siglare il 2-1.#Cannonau

Flop

Papu Gomez: dovrebbe essere la vena creativa dell’Atalanta ma oggi pare necessiti di una trasfusione.#NonnoGomez

Zapata: tenta di segnare come può ma oggi Calabria, Musacchio e Romagnoli sembrano la grande muraglia.#FakeZap

Suso: invece di spiccare il volo sulla fascua oggi si mette in gabbia da solo.#PennutoSmarrito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *