Giornata 26 = possibilità di sorpasso all’Inter. Il Milan riceve il Sassuolo per provare a tornare davanti ai cugini dopo tanto tempo.

Le formazioni

Nessuna sorpresa, ormai gli 11 di Gattuso scendono in campo direttamente senza che lui spiccichi parola.
Si dice che abbia rifiutato l’acquisto di Messi per non panchinare uno tra Suso e Calhanoglu.

Il Sassuolo invece risponde con una squadra propositiva che cerca con Boga e Berardi di sfondare sulle fasce.

La cronaca

L’inizio della partita sembra una continuazione di quella vista martedì con la Lazio, gentilmente offerto da “Camomilla Bonomelli”.
Sembra che durante gli allenamenti, la dirigenza abbia obbligato tutti a “Googlare” la parola idea, perché la reiterata mancanza di gioco, fa pensare che certi elementi non conoscano il significato della parola.
Già dall’inizio di match, si capisce che non è comunque servito a nulla.

La partita la fa il Sassuolo, che nonostante abbia giocatori adatti al suo modulo, quanto lo sarebbe un tutù rosa sull’incredibile Hulk, risulta propostivo e volenteroso di fare gioco.

Al minuto 35′ però, su una mischia da corner, una palla deviata da mezza serie A, alla fine entra in rete. Si apre un dibattito mondiale per decidere chi sia il marcatore e alla fine, dopo aver consultato persino i premi Nobel mondiali, si stabilisce che è autogol di Lirola.

Sembra che possa sbloccarsi il Milan ma non è così, Boga oggi sembra il miglior Babangida, che a ISS pro faceva impazzire tutti e Calabria il peggior de Sciglio che non riesce nemmeno a capire di essere in campo durante una partita di calcio.

Nel secondo tempo cambia poco, emiliani che sfiorano il gol, provando ad approfittare di Romagnoli e Bakayoko che sembrano aver mandato i gemelli scarsi, probabilmente perché stanchi delle troppe partite.

Nel miglior momento del Sassuolo però, Consigli decide di dar lezioni di scelta di tempo, facendosi prima saltare dal pallone fuori area prima e non contento, stendendo Piatek poi. Per l’onor del vero, nonostante il fallo fosse giusto, l’attaccante polacco, sembrava fosse stato colpito da un colpo di un fucile a pompa di Consigli, più che da una manata.

Ora l’uomo in più dovrebbe agevolare il Milan, che però, sembra soffrire di vertigini da terzo posto e decide di tirarsi indietro.
De Zerbi non vuole vincere, cerca di aiutare i rossoneri mettendo Matri portando così in 9 Vs 11 la partita.

Il finale è di totale sofferenza, ma il Milan resiste e porta a termine un sudatissimo sorpasso.

 

TOP & FLOP

Top:

Donnarumma : su djuricic compie un movimento innaturale per salvare il risultato. Sembrava uscito da Matrix #EffettiSpeciali

Musacchio: continua a pressare e a farsi sentire da dietro su chiunque arrivi dalle sue parti. Speriamo per la moglie faccia così anche con lei. #FajeSentìAPresenza

Boga: oggi sulla fascia sembrava l’Eto’o dei tempi d’oro, corsa e dribbling in velocità.#Panterone

Flop:

Consigli : da consigli a Sconsigli il passo è breve #Obiettivo65

Calabria : se si giocasse a tiro al bersaglio sarebbe pallone d’oro. Come crossa lui contro gli avversari nessuno mai. #Cecchino

Suso: il cardellino si sta trasformando in colibrì, diventa sempre più difficile percepire i suoi movimenti. #Mr.Invisible

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *