Torna il nostro appuntamento per i Fantallenatori con il mantra della mediocrità, oggi anche in versione infrasettimanale, per aggiungere quel tocco di nervosismo prima del weekend. Ecco a voi una nuova versione del KBAS TEAM!

 

Sorrentino : 106 anni e non sentirli, tra un po’ userà il palo come bastone della vecchiaia.

Djimsiti: la difesa dell’Atalanta è solidissima. Tranne quando gioca lui.

Ferrari: dopo i problemi di affidabilità in Bahrein cerca riscatto contro il Chievo.

Jaroszynski : non abbiamo la minima idea di chi sia. Perfetto già per questo per i nostri sconsigli.

Djidji : il nostro Djidji d’Alessio è pronto a regalarci emozioni anche in campo. Un po’ più abbronzato ma in formissima.

Wallace : dopo aver finito la di guidare la ribellione contro l’occupazione della Scozia viene a fare una partita a pallone. Non sappiamo quanto si sia allenato.

Dabo: a inizio anni 2000 era un buon giocatore. Ora forse è un po’ datato.

Verdi : dopo aver finito l’Aida, domenica si è degnato di tornare a segnare. A questo giro sicuramente non si ripeterà.

Kessie : dopo le tensioni delle ultime settimane l’ammonizione è certa. – 0.5 garantito.

Petagna: ha la media gol di un difensore centrale. Peccato faccia la punta.

Orsolini: doveva essere il CR7 italiano. Invece è più l’orsolini Yogi.

 

Le probabili formazioni

Milan che torna in campo a 3 giorni di distanza dalla scottante sconfitta contro la Samp, a San Siro i rossoneri ospiteranno l’Udinese, una partita complicata, ma che dovrà essere sfruttata per riscattarsi dopo le ultime prestazioni orribili.

Gattuso pare abbia avuto delle visioni notturne, due angeli di nome Arrigo e Carlo lo hanno persuaso al cambio modulo, al risveglio, tutto confuso, pare abbia accettato l’idea di questo cambio, dunque: Hasta la Revolucion!

Dal prestampato 433 si passa al 4312, tra i pali sempre il nostro Gigio, sperando che stavolta monti i piedi nel verso giusto, a tal proposito gli sono stati recapitati direttamente da Ikea un paio di piedi montabili con delle semplici istruzioni.

La retroguardia sarà sempre composta da Calabria e Rodriguez sulle fasce e da Musacchio e Romagnoli al centro.

A centrocampo torna Mohamed Kessie, che dopo aver vinto l’incontro per i pesi massimi ora può ritornare a sgaloppare in mezzo al campo. Al suo fianco Bakayoko e Calhanoglu.

Tridente d’attacco che vedrà Lucas Paquetà dietro le due punte Cutrone e Piatek, sperando che tra un colpo di pistola e una puntura di pungiglione qualcuno la butti dentro.

Udinese di Tudor che si presenterà a Milano con un 433, questi gli interpreti:

Musso; Ter Avest; Opoku; De Maio; Zeegelar; Fofana; Behrami; Mandragora; Pussetto; Lasagna; De Paul.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *