Al Rigamonti ci aspetta il Brescia, nostro alleato sugli spalti, ma nemico da battere assolutamente sul campo per mantenere la striscia di vittorie, si si avete letto bene, STRISCIA DI VITTORIE.

Le formazioni

Milan che continua sull’onda del 442, solita formazione ad eccezione di Calhanoglu che rientra al posto di Bonaventura. Dicono si sia perso nel cercare una bombola d’ossigeno.

Brescia di Corini che si presenta con 4312, il grande assente è Mario Balotelli, sostituito dal sosia di Rolando Bianchi Torregrossa. Al suo fianco Ayeje Brazorf, pronto a galoppare sulla 3/4 rossonera con l’immancabile pacchetto di sigarette dentro la manica.

La cronaca

Parte forte il Milan, subito alto ed in pressing sui bresciani, tant’è che al 1 minuto Kessie si ritrova una palla sui piedi che però calcia con la stessa classe di Cesar Prates.

Rossoneri che continuano a spingere ma non concretizzano, dopo circa 20 minuti di buon livello ci siamo poi spenti, come d’abitudine, neanche fossimo un pensionato al 3 bianchino nel pomeriggio.

Brescia che si renderà pericoloso nei minuti mancati, ma senza impensierire più di tanto Donnarumma. 0-0 al primo tempo.

Secondo tempo che riparte sulla falsa riga del primo, Brescia che diventa però molto più pericoloso con Torregrossa che si conferma uomo dei Cosplay. Prima cerca di imitare la mezza rovesciata di Van Basten, poi cerca di fare un goal alla Pippo inzaghi deviando un tiro di Sandro Tonali, annullato però il goal per posizione irregolare.

Al 58′ entra però l’uomo della provvidenza Ante Re-bic, che al 71′ sblocca la partita mettendo la firma su un pallone sporco nell’area del Brescia. Ormai il Re delle Bic si sta trasformando in una stilografica pronta a riscrivere la storia del girone di ritorno.

Da qui in poi il Milan rischia un po meno e riesce anche a creare un paio di occasioni, la prima con un goal annullato a Castillejo e poi con Theo Hernandez, partito con una corsa che sfocia in un tiro della tigre che piega la traversa del Rigamonti. 

Corini prova a pulire un po il gioco del Brescia inserendo Skraab, ma è tutto inutile e si chiude sull’1 a 0 per i rossoneri che tornano a sentire profumo di Europa in lontananza.

TOP E FLOP

Top

Donnarumma : dopo l’errore clamoroso di Udine, decide di seguire l’allenamento speciale del fratello Andonio e i risultati si vedono #GrandeFratello

Rebic : da una semplice Bic da 20 centesimi, si sta trasformando in una bella stilografica. È il suo momento #MontBlanc

Tonali : la furbizia non gli manca, lo paragonano a Pirlo e lui i si fa i capelli uguali. Per sua fortuna non lo hanno paragonato a Corini #IlCiuffoE’Salvo

Flop

Theo : fa la partita peggiore della stagione. Nel finale, l’aria di Brescia lo trasforma in Mazzone e ci regala una galoppata degna del miglior Carletto, che poteva trasformarsi nel gol dell’anno. #SeFamoEr2a0

 

Conti : a Milanello probabilmente si allena su un’altalena. Altrimenti non si spiegano questi continui sbalzi di rendimento #BulloDelleGiostre

Kessie : è finito talmente tante volte nei flop che potremmo rinominare in “Top e Kessie” il nostro spazio. Difficile trovare le parole, facile riassumere tutto in una #Caos

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *