23^ giornata di campionato, è tempo di derby. Da una parte un Milan che cerca uno slancio verso la zona Europa, dall’altra un’Inter che vuole trovare i 3 punti per agganciare la Juventus in testa alla classifica.

Le formazioni

Cambio di modulo per Padre Pioli che vira sul 4411 posizionando Calhanoglu vicino ad Ibra dandogli così una chance di giocare nel suo ruolo naturale. Per il resto rientra Bennacer dopo la squalifica e Leao va in panca per far spazio al Re delle penne in gran spolvero.

Inter che si presenta con il solito 352 “contiano” mettendo in mostra anche le vecchie glorie delle United. Sanchez preferito a Eriksen per sostituire Lautaro e quattro salti in Padelli tra i pali al posto di Handanovic.

La cronaca

Parte fortissimo il Milan che domina l’Inter sotto qualsiasi aspetto. Pressing alto a chiudere qualsiasi spunto dell’Inter, tant’è che in un lapsus ai tifosi rossoneri è sembrato di vedere Guardiola in panchina. 

Rossoneri che concretizzano il dominio al 40′ , cross di Samu dalla trequarti, ibra prende il jetpack e svetta su nonno Godin, appoggio per Rebic ed è 1 a 0.

Dopo 6 minuti è giunto il momento per Zlatan di prendersi la gloria, tap in di testa su angolo deviato, il Re esulta finalmente a San Siro e tutti i suoi sudditi rossoneri con lui. 

Doppio vantaggio e tutti negli spogliatoi, un Milan che ha dominato il primo tempo giganteggiando sui cugini.

Secondo tempo che si apre con un Milan ancora propositivo, ma al 51′ Brozovic si inventa un tiro alla Roberto Carlos e la riapre.

Da qui in poi il declino. 2 minuti dopo infatti la pareggia Vecino su assist del Ninho Maravilla, incredibilmente i giocatori del Milan si sono trasformati in marionette.

Dopo il pareggio la reazione del Milan è stata puntuale come una coincidenza Trenitalia, ed in fatti siamo ancora li tutti ad aspettarla.

Il Tracollo decisivo arriva al 70′, angolo per i nerazzurri e De Vrij si avvita come un tonno pinna gialla insaccando la palla nel 7.

Pioli prova a riaprirla mettendo dentro Paquetà, Leao e Bonaventura, ma hanno avuto la stessa incidenza che avrebbero avuto Qui, Quo e Qua.

Milan che va vicino al goal solo con Ibra con un colpo di testa che rischiava di valere doppio contando anche l’entrata di Skriniar nella rete, ma il palo ha infranto i sogni rossoneri.

La chiude al 93′ Romelu Lukaku insaccando di testa dopo un contropiede dei nerazzurri. Si chiude così sul 4 a 2, Game Over.

 

I TOP E FLOP

Top

Ibrahimovic : più la sfida è complicata, più lui si esalta. Vedendo Padelli in porta decide di cucinarsi l’Inter. Peccato che il resto dello staff non sia all’altezza #CarloCracco

Vecino : ogni santo Derby deve metterci lo zampino. Fabbro da 3a categoria che contro il Milan si traveste da Steven Gerrard #You’llNeverWalkAlone

Rebic : arroganza di Ibra, colpi di tacco a rientrare alla CR7 e si contribuisce a illudere i tifosi del Milan #TheIllusionist

De Vrij : in nazionale negli anni, deve aver preso lezioni da Van Persie. Decolla letteralmente sul 3 a 2. #OlandeseVolante

Flop

Padelli : 2 tiri in porta due gol. Molto Rivedibile. È la dimostrazione che avere Antonio Donnarumma come secondo non è uno spreco #MenoSpendiPiuSpendi

Kessie : dopo un primo tempo buono, decide di indossare le sue timberland preferite nel secondo, tornando a fare voragini nel prato di San Siro #Bradipo

Conti : nel secondo tempo si sintonizza su Italia 1 e vede un pezzo di “Casper” e decide di calarsi nella parte. #Fantasma

Bonaventura : entra in ciabatte. Vi manca Suso? No problem. C’è Jack #Moviola

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *