Ritorna finalmente il calcio giocato, recupero della 26^ giornata di campionato, si gioca Milan-Genoa in un clima post apocalittico con un numero di spettatori pari alla nostra voglia di vedere Calabria titolare, quindi 0.

Le formazioni

Milan schierato con i soliti 11 distribuiti in un 4231 con Ibra davanti che utilizzerà il teletrasporto per prendere tutte le palle lanciate a caso dai compagni. Conferma per Gabbia che sembra aver soffiato il posto a Kjaer e Musacchio.

Genoa che va in campo con il solito 352 dando spazio ad un ormai sempre più stempiato Pandev.

La cronaca

Come da qualche mese a questa parte, comincia bene il Milan con ritmo e possesso palla scorrevole, al 7 minuto però Conti, Hernandez e Kessie decidono di dare una dimostrazione in mondovisione di come andrebbero rispettate le direttive del governo in merito al Covid-19, 1 metro di distanza dall’avversario permettendo a Sanabria di servire Pandev che insacca agevolmente e non infetto.

Non tarda ad arrivare la risposta del Milan che riprende subito ad attaccare e si rende pericoloso con due conclusioni ravvicinate di Calhanoglu e Ibrahimovic. Tiri che però vanno addosso a Perin, i giocatori del Milan pensavano che si stesse giocando al tiro al bersaglio.

Al 41′ su un’azione copia e incolla raddoppia il Genoa con Cassata, si passa dunque subito al dessert un po indigesto per i rossoneri.

Termina sullo 0-2 il primo tempo con un Tony Manero Sanabria che incanta San Siro sulle note di Stayin’ Alive.

Si riprende con un Milan che cerca di riaprire la gara, ma oggi sembrava davvero impossibile creare qualcosa di concreto al netto di una prestazione decente di squadra, complici Conti e Kessie che in campo fanno più danni della grandine.

La riapre al 71 Zlatan con una girata su un rimpallo in area, il Milan torna a segnare su calcio d’angolo, l’ultima volta che accadde c’erano in campo Gullit e Van Basten.

Sforzo finale dei rossoneri che però non vanno a concludere la rimonta, smorzata anche dalla inferiorità numerica dopo l’entrata di Calabria. Finisce sul 2 a 1 per i grifoni, un sconfitta che pesa in un clima ancor più pesante.

 

TOP & FLOP

Top

Sanabria: oggi grande partita del numero 9 del Genoa che si conferma sui livelli dello scorso anno anche se non riesce a mostrarci la sua famosa esultanza con le pistole. Ah no quello è quello che abbiamo preso noi. #PumPumPum

Ibra: sapevamo fosse un top player ma non ché fosse anche un toppa player per sopperire alle mancanze di tutti i reparti trovando anche un goal. #Ovunquemente

Cassata: pericoloso per la fascia sinistra del Milan come una una bomba glicemica per un diabetico. #Insulina

Flop:

Kessie: Il vero top player del Genoa lasciando segnare Cassata e sbagliando tutto il possibile. #VoltaGabbana

Conti: livello di disastro un pelo sotto gli uragani. Si perde Pandev e prende pure tunnel da Criscito. #Catrina

Theo: nullo in fase di spinta e dannoso in fase difensiva in un solo nome:#Ricardo Rodríguez

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *