(di Michele Coletti) 

Caro Lippi ti scrivo,

Ti scrivo perché continuo a leggere che con Nedved avresti vinto.

Poi continuo a leggere in quasi tutti i media che la Juve non si lamenta mai, e vince sempre, leggo pure che con i se e con i ma non si vincono le competizioni, poi leggo che la Juve rispetta ogni verdetto (tralasciamo magari le beghe da tribunale) senza rincorrere a scuse, poi leggo che la vecchia signora rispetta le regole e rispetta i protocolli.

Poi guardo le partite e siccome sono un milanista nostalgico (anche perché non mi resta altro da guardare è vero) mi riguardo quelle vecchie, tipo un Milan Barcellona del 1994, dove i giocatori del barça compreso il loro allenatore erano convinti di vincerla, in quella partita mancavano Baresi, Costacurta e Nedved, però il Milan ha vinto 4–0.

Poi ho riguardato un Milan Juventus del 2003 dove mancava solo Nedved è vero, ma guardando la partita ho visto un Milan che il primo tempo ha avuto diverse occasioni, il secondo che era un po’ bloccato a centrocampo, poi le squadre sono andate ai supplementari e li é successo qualcos’altro, si perché Nedved non c’era ancora ma oltre a lui ha alzato bandiera bianca pure Roque Junior, non una grave mancanza per il Milan verissimo, se non fosse che il Milan aveva esaurito i cambi, quindi giocó con un difensore che zoppicava per il campo. Poi le squadre sono andate ai rigori e il portiere più forte del mondo, come lo definisco tutti i media, non è riuscito a parare tutti i rigori necessari.

Ma questa storia non la vuoi ricordare giusto?

Probabilmente se il ct della Francia del 2006 dice che ai rigori non avrebbero mai perso con Zidane tiratore saremmo tutti li, compreso tu caro Marcello, a dire che chi è causa del suo mal pianga se stesso, compresi i media che continuano a dire che la Juve è l’unica società seria, tralasciando magari le beghe da tribunale dovute si ad una dirigenza che rinnegano, ma che continuano a fare ricorso, come voler dire noi non siamo stati, ma avevano ragione a farlo, d’altro canto, come esposto da un tifoso vostro “il fine giustifica i mezzi”.

Caro Marcello volevo lasciarti con una frase del supremo Andrea:

L’emozione Juventus è sempre rivolta al domani, la gioia più bella è quella che deve venire.

Magari troverai la tua pace interiore

Con affetto

Michele

Comments

  1. Ma perché sprecare tutte ste belle parole con gli juventini!Sono tutti uguali,hanno la stessa mentalità,arroganza,superiorità, non so di che cosa, e questo sì denaro in quantità. Hanno quasi sempre vinto e quasi sempre rubato,non solo al Milan,ma anche ad altre squadre. Quindi di cosa parliamo,di Lippi che ancora si lamenta? Ma lasciamoli stare al loro posto,noi siamo in un’altra dimensione più grande,più europea,più mondiale,più planetaria.Loro dove stanno? a malapena a Torino dove sono sicuri di vincere gli scudetti a ripetizione e sono pure contenti! Beati loro che si accontentano di così poco!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *