Torna il campionato e lo fa con il botto, derby della madonnina a scaldare il sabato pomeriggio.

Le formazioni

Rientra Capitan America Romagnoli a dirigere l’orchestra rossonera dopo uno stop di 100 giorni, passati con l’incubo di vedere Duarte in campo. Sulla trequarti va a sostituire l’infortunato Rebic l’uomo con la maionese in testa, Leao. Per il resto solita formazione con un Ibra rigenerato post Covid a guidare l’attacco.

Formazione tipo anche per l’Inter, ad eccezione pero di qualche cambio dovuto alle assenza causa Covid. Spunta un insolito Barella sulla trequarti che relega ancora in panchina Eriksen, che ormai sta prendendo le sembianze di Casper il fantasmino.

La cronaca

Parte fortissimo il Milan che non fa respirare L’inter, pressing altissimo e Calhanoglu sulla trequarti porta a spasso tutti i mastini nerazzurri.

A deciderla è lo scontro tra nonnetti in area, Kolarov falcia Ibra da dietro e si va sul dischetto. Calcia Ibra, Handanovic para ma non consapevole di non poter contrastare la volontà divina, ribatte Zlatan e fa 1 a 0.

Pochi minuti dopo Saelemakers dribbla un ancora brillo Brozovic in ripartenza, apertura per Leao che pennella come un pittore per Ibra che appoggia facilmente. Il Re è tornato a riprendersi Milano.

Tenta la reazione L’inter guidata da Lukaku che oggi sembra un vichingo in battaglia, battaglia apertissima con i difensori rossoneri.

Ed è proprio lui che riapre la partita con un tocco facile su cross di Perisic. Primo goal subito dal Milan in stagione, incredibilmente ora fa notizia il goal subito e non il claen sheet dei rossoneri.

Si chiude sul 2 a 1 il primo tempo.

Ripresa che prosegue sulla falsa riga della fine del primo tempo, ci sono occasioni da entrambe le parti ma la sfortuna e la poca precisione faranno restare il risultato sul 2 a 1 fino alla fine. Nota di merito GIGANTESCA va a Ibrahimovic che a 39 anni si mette in tasca tutta la difesa dell’Inter, svetta come un colosso su ogni palla.

Si chiude così il Derby di Milano, nel segno di Z. Che non è zorro, ma è Zlatan Ibrahimovic.

 

I TOP E FLOP

TOP:

Ibrahimovic : più che dalla quarantena sembra esser tornato da un resort a 5 stelle. Gli bastano 15 minuti per sbranare l’Inter. Verrà sostituito alla madonnina #ReDiMilano

 

 

Kessie : cambia la stagione, arriva il freddo, ma le Timberland non vuole sapere di rimetterle. Gioca con tranquillità e sicurezza incredibile #FrankRijkaard

Leao : D’Ambrosio contro di lui sembra un calciatore preso in prestito dalla nazionale ammogliati. Mette il turbo e non lo prendono mai. #DRS

FLOP

Eriksen : espressione alla De Sciglio, visione di gioco di Franco Vasquez, velocità di Paulo Ganso e si va a convincere Conte ad escluderti nuovamente #CorpoEstraneo

Kolarov : il capello brizzolato alla George Clooney non inganna. Gli anni passano, la reattività anche. Capisce la finta di Ibra con la velocità di Montolivo e causa un rigore ingenuo. #Trenitalia

Brozovic : di solito trova nel Milan una vittima ideale, oggi gli servirebbe un miracolo che non trova. #Brosiovic

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *