(di Michele Coletti)

Scendo dalla macchina la chiudo.
10 whatsapp di fila, entro al supermercato devo fare la spesa, sono davanti al bancone della frutta, leggo le anteprime.. “Dio si è ripreso il suo piede sinistro” “davvero non ci credo” “ragazzi ma cos’è successo” “ma di cosa é morto” sono lì fermo non capisco poi l’ultimo “È MORTO MARADONA

No non ci credo, ma perché, ma di cosa… mi faccio le stesse domande che ho letto nei messaggi.
Apro Facebook per cercare una smentita, un’ultima speranza, spero che tutti abbiano letto male ma, in cuor mio so già quale sarà la risposta.

É morto Maradona.
Anche Facebook me lo conferma.

Terribile, anche per un milanista è terribile, Maradona è stato una pagina, no un capitolo, anzi no è stato il manuale del calcio.

Allora ripenso a quanto posso averlo visto, cosa mi ricordo, chi è stato per me Maradona.
Perché nel 1986 quando Maradona vinceva il mondiale io ero appena nato, la mano de Dios l’ho vista solo gli anni successivi, il gol più bello del secolo pure, mi hanno raccontato di un Maradona uscire con la maglia di Franco Baresi, perché per Diego, la nostra bandiera è stato il difensore più forte di tutti i tempi. Quante volte ho visto i suoi gol, prodezze che vanno contro la fisica.. dal calcio di punizione contro la Juve, al gol da centrocampo contro il Verona.


Ha estasiato un popolo intero, lo ha reso felice solo con la sua presenza, per noi, che lo avevamo come avversario, nei nostri e pure nei suoi migliori anni, è stato un rivale onesto e sincero, mio papà mi ha sempre ricordato che in una lotta scudetto tra Milan e Napoli, quando non ci diedero un rigore su Marco Van Basten, lui alla domenica sportiva dichiaró: “quello è calcio di rigore netto

Maradona è stato un personaggio che, purtroppo in tanti ricordano perché ha commesso errori. E chi non li ha commessi.
Ma lui credo come pochi ci ha sempre messo La faccia, ed è questa una cosa che ho sempre apprezzato di Diego, vederlo uscire, ai mondiali del 94, accompagnato da 2 Infermiere e non capirne il motivo. dicevano per Doping, cosa fosse non lo sapevo a 8 anni.

Io sapevo solo che era forte e faceva paura vederlo calciare. Poi tra i tanti messaggi che continuano ad arrivare ci sono quelli che ti ricordano che è morto lo stesso giorno di Best e Fidel, allora un po’ ci pensi che lui è morto in questa giornata perché voleva continuare a giocare con i migliori e fumarsi il sigaro con gli amici.

Da tifoso avversario ho cantato anch’io :

O mamma mamma mamma
O mamma mamma mamma
Sai perché mi batte il corazon
Ho visto
MARADONA.

Fai buon viaggio, ci mancherai Diego 💙

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *