Continua la campagna stile videogame del Milan. Oggi il nuovo livello prevede di giocare senza metà squadra titolare. Ci viene dato però il bonus Zlatan.

LE FORMAZIONI

Se Pioli fosse dentro ad un film sicuramente pronuncerebbe la frase “mi spiace non avevo scelta”. Formazione obbligata nella speranza che Zlatan possa fare la differenza anche dopo 2 mesi out.

Il Cagliari dal canto suo manda in campo una squadra perfetta per Lele Adani, ovvero zeppa di sudamericani.

La cronaca

Nemmeno il tempo di stapparsi una birretta e Diaz nemmeno fosse un addetto al traforo del Monte Bianco, trova un varco nella difesa sarda per Ibra, che si fa stendere in area guadagnando un calcio di rigore dopo soli 5′.

Tutti si aspettano Kessie dal dischetto, ma Zlatan lo caccia come fosse una mosca e dà l’ennesima dimostrazione di personalità scacciando il fantasma del rigore sbagliato. 1 a 0 e palla al centro.

La reazione del Cagliari c’è , ma è confusionaria. Il Cholito Simeone decide di calciare da qualsiasi posizione, dimostrando grande precisione nel centrare la schiena di Romagnoli, che a fine partita avrà lividi sotto la maglietta.

Gli uomini di Pioli non sono molto pericolosi, si limitano a gestire la situazione con un Kessie che come Big Show in una Royal Rumble fa letteralmente volare via gli avversari.

La prima frazione si chiude con poche emozioni sull’1 a 0.

Nel secondo tempo il copione è lo stesso, Milan che gestisce, Cagliari che prova a reagire ma nelle rare occasioni trova un Gigio Donnarumma in versione saracinesca che spegne sul nascere ogni velleità avversaria.

C’è bisogno di chiudere la gara e lo svedese non si fa pregare. Tutto nasce da Calabria che dopo aver ripassato velocemente qualche formula geometrica, pennella un lancio per il numero 11 che senza troppi problemi buca nuovamente Cragno.

La gara sembra ormai chiusa, Pioli da spazio a qualche riserva e Saelemaekers, rientrante da 3 settimane di infortunio ha l’occasione di mettere minuti nelle gambe. Il problema è che il belga in meno di 10′ minuti prende 2 gialli, probabilmente per aumentare la difficoltà ai compagni che anche oggi stavano vincendo con troppa facilità.

Non succede comunque nulla di negativo e i rossoneri, oggi in bianco, portano a casa l’ennesima vittoria, tenendo salda la testa della classifica.

L’unico piccolo problema è che di questo passo il Milan si iscriverà al campionato di calcio a 5.

 

TOP & FLOP

Top:

Calabria: ormai dove lo metti rende, è il carpentiere di Milanello, se c’è un problema lo risolve lui. #FrisbyTuttofare

Ibra: Ritorno con doppietta, ma d’altronde cosa ci si può aspettare da Dio?#DeusExMachina

Kessie: ormai non ci sono più parole per il presidente, semplicemente dominante. Bullizza gli avversari come se fossero i nipotini da prendere a pallate. #Bully

Flop:

Lykogiannis: con un cognome così, una prestazione del genere può accompagnare solo.#MotociclistaAllePrimeArmi

Gaston Pereiro: dopo aver militato nel Paperopoli, sbarca in Sardegna perdendo però la sua fortuna e si dimostra per quello che è. #Unlucky

Saelemaekers: anche per lui ritorno in campo, però in grande stile. si avvicina il carnevale e lui ha già comprato il vestito da Macellaio. #TheButcher

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *