Partita importante per il Milan, chiamato a vincere per restare aggrappato al sogno scudetto, ma soprattutto per difendere la Champions.

Le formazioni

Nel toto infortunato, appuntamento fisso di ogni settimana a Milanello, è Kjaer il fortunato vincitore che quindi salta il Napoli. Pioli rispolvera così Gabbia che l’ultima volta che aveva giocato, lo aveva fatto in coppia con Baresi.

Poi le defezioni gli impongono la tassa Krunic e Castillejo sugli esterni che uniti alla presenza di Dalot, equivale ad un 8 vs 11.

La cronaca.

Nonostante questa palese inferiorità, il Milan gioca con equilibrio, tenendo botta lasciando tutto aperto. Grosse occasioni non ce ne sono nella prima frazione. C’è un tiro di Zielinski, propiziato da un Tomori che si era perso a pensare all’uscita pomeridiana con la fidanzata e l’immancabile tiro a giro di Insigne.

Per i nostri il pericolo più grande è dato da Leao che in scivolata finisce su Ospina pungendosi….

Nel secondo tempo Pioli sfida la sorte : riparte con gli stessi 11 pur avendo Rebic, Diaz e Saelemaekers in panchina.
Chiaramente gli dice male, Dalot fa un passaggio che era più scontato degli articoli su Wish, Castillejo viene anticipato, Kessie decide di uscire a caso e Politano si trova magicamente solo davanti a Gigio e segna con una ciabattata immonda degna del miglior De Fonseca. 1 a 0 Napoli.

Arriva dunque il momento dei cambi, dentro i 3 prima citati al posto dei 3 trequartisti. Il Napoli si tira totalmente indietro, con Gattuso che potesse avrebbe assoldato un muratore per costruire una roccaforte attorno alla porta di Ospina.

Questo da alito all’assedio del Milan che dopo un paio di occasioni create ben neutralizzate da Ospina (con conseguenti palloni bucati) culmina con l’ex Bakayoko che prova ad asportare un polpaccio ad Hernandez in area. Per l’arbitro è tutto regolare.

Finiscono le speranze del Milan con Rebic che nel dubbio si fa espellere giusto per lasciare il segno in qualche modo.

 

TOP E FLOP

TOP

Theo : inesauribile. Fa letteralmente ciò che vuole. Sembra uno di quei soldatini caricati a molla, solo che la carica non finisce mai #ForrestGump

Tonali : ordinato e preciso. Dopo un inizio timido, si ricorda che Gattuso, da suo padrino è già lì pronto a prenderlo a sberle #RinghioTonali

Politano : a Napoli le temperature sono già gradevoli. Lui si presenta in ciabatte e nonostante ciò, infila Donnarumma. #infradito

FLOP

Leao : nel primo tempo fa il suo, nel secondo decide di onorare la chiamata della nazionale PortoSeghe. Il gol non sa più cosa sia. Urge un manuale di istruzioni. #Tutorial

Dalot : il secondo PortoSeghe del Milan non si smentisce. Un uomo in più per il Napoli. #NemicoInCasa

Rebic : entra, non riesce a ribaltarla, decide di mandare a quel paese l’arbitro prendendo il rosso. #RebelWithoutACause

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *