Juventus – Milan : partita che ha il sapore di ultima chiamata. Vietato sbagliare.

Le formazioni

Pioli tolto Castillejo ha la rosa al completo. Quindi nessuna assenza pesante, in tutti i sensi.
La mossa a sorpresa però arriva, ne Leao, ne Rebic, bensì Diaz a fare da spalla a Ibra. Con questa espressione intendiamo che potrebbe essere proprio quella parte del corpo di Zlatan date le dimensioni.

Pirlo invece come al solito fa scelte inspiegabili, mettendo insieme Morata e CR7, alla ricerca del gettone a “chi l’ha visto”, escludendo Dybala che è il gatto nero del Milan.

La cronaca

Il primo tempo è piuttosto bloccato, poche occasioni, sia da una parte che dall’altra. L’unico a creare pericoli, per i suoi compagni, è Donnarumma che veste i panni di “Dora l’esploratrice”, andando alla scoperta in modo totalmente scriteriato del campo, con uscite senza senso.

Nel finale di primo tempo però, Szczesny, incuriosito dal collega, fa la stessa cosa, lasciando però sui piedi di Diaz il pallone che viene messo perfettamente al sette. 1 a 0, fine primo tempo e equilibrio spezzato.

Il secondo tempo inizia con la reazione dei bianconeri, spinti dell’antibiotico più famoso di Torino, Bentancur, che a seguito di un buon inserimento, vede Dora, respingere bene.

Il Milan però riprende subito le redini del gioco, il Maestro Pirlo ha una classe casinista e confusionaria che non lo segue e pochi minuti dopo, il più indisciplinato e scorretto Chiellini, vuole fare un esperimento da portiere, per finire allungarsi la carriera, con buoni risultati, ma un rigore regalato al Milan.

Dal dischetto va il presidente Kessie, che però clamorsamemte spara addosso a Szczesny, facendosi ipnotizzare.

A questo duro colpo, seguono quello a Ibra che esce infortunato e a Diaz che deve dare forfait pochi minuti dopo.

Al loro posto entrano Rebic e Krunic, con il secondo che non lascia grandi ricordi recenti.

È lo stesso vice Ibra che gela i tifosi bianconeri con un siluro piazzato al sette che non lascia scampo e mette in ghiaccio la partita.

La squadra di Pioli però non si accontenta e nel finale, sugli sviluppi di corner, Tomori mette la pietra tombale sulla Juve, portando il Milan sul 3 a 0 e avanti negli scontri diretti.

La prima vittoria allo Stadium è davvero meravigliosa

 

TOP & FLOP

Top:

Diaz: lanciato in campo a sorpresa da Pioli, come un Bayblade corre ovunque e infastidisce la retroguardia della juve. Ciliegina sulla torta il goal. #Trottolino

Tomori: un gigante in difesa e si toglie la soddisfazione di schiacciarla in testa a Chiellini. #Lebron

Rebic: entra per sostituire un Ibra acciaccato e si trasforma nello stesso Zlatan segnando un goal da cineteca. #Rebovich

Flop:

Ronaldo: dopo questa partita è stato chiamato a far parte del cast di the walking dead. #Zombie

Chiellini: una catastrofe, Squiddy prima allarga troppo il tentacolo e causa un rigore, poi si fa bullizzare da Tomori. #Finito

Bentancur: partita anonima e piena di errori, il tutto si può riassumere con il passaggio dritto sugli spalti.#Bentancurva

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *