Papà pagelle,

Papà Pagelle: Milan Lazio 2 0

Maignan 6 – Poco chiamato in causa e quando lo fanno stilisticamente non è il massimo, ma comunque c’è.

Calabria 7 – Prestazione superba, come tutte quelle che sta regalando da un anno a questa parte. Un dato su tutti? Il primo pallone lo sbaglia al 86’.

Romagnoli 7 – Che bella partita quella del rientrante capitano. Alza la testa e sfodera una prestazione aggressiva ma pulita, orgogliosa e convincente. Kjaer tornerà titolare ma ora sappiamo che potrà rifiatare con più serenità.

Tomori 7 – Il nostro puma è uno spettacolo della natura. Una prova da Atleta con la A maiuscola che polverizza Immobile. Cassano sarà stato sul divano a ridere…

Theo 7 – Il gran premio sarà pure a Monza ma qui si sgomma sulla sinistra che è un piacere. Due accelerazioni infiammano San Siro ma la bella notizia è che anche dietro è concentrato e convinto.

Tonali 7,5 – Padrone del centrocampo. Palleggia, pressa, riparte, fa respirare il Milan e toglie aria a tutto il centrocampo laziale. Un nuovo acquisto, forse il migliore.

Kessie 6 – Il presidente torna a San Siro che perdona le sue amnesie contrattuali che forse offuscano la sua testa nei lunghi minuti che precedono il rigore. Comunque rientro positivo se Milinkovic non miagola è anche merito suo.

Florenzi 6,5 – Vive la partita come un derby, non molla un centimetro ed un pallone e si mostra preziosissimo ricambio di Saelemaekers. Come per Kjaer anche qui rifiatare si può.

Diaz 6,5 – Meno appariscente e frizzante delle precedenti uscite, ma sempre preziosissimo nelle accelerazioni e nella pulizia del palleggio sulla trequarti. Prova la conclusione due volte ma viene ribattuto. Probabile che abbia conservato la cartuccia per Torino.

Leao 7,5 – Il primo tempo è una furia e mette in croce tutto quello che di celeste gli capita davanti. Conclude in bellezza la prima frazione architettando il gol che poi rifinisce con inconsueta freddezza. Meno on fire nella ripresa ma saggiamente si sarà risparmiato qualche groppata per mercoledì.

Rebic 7,5 – Da una settimana si parla dei tamponi di Giroud e dei post di Ibra. Ante, come sua abitudine, fa parlare in campo e ricorda a tutti che abbiamo un prezioso coltello multiuso sulla trequarti e nell’occorrenza anche davanti. Due cioccolatini quelli a Leao e a Ibra.

Ibrahimovic 9 – il voto è chiaramente una laurea honoris causa. Perché rientra dopo oltre cento giorni in campo, con una operazione sul ginocchio, con l’incombenza del tempo che a ottobre dirà quaranta. Ma Zlatan è divino. Ed il gol è il giusto tributo che il dio del calcio fa ad un suo collega. Unica richiesta evitiamo scene e provocazioni inutili.

Bakayoko 4,5 – Rischia di metterci nei guai con un intervento più da rosso che giallo. Poi esce per un guaio fisico e allora torniamo ai box a resettare macchina, testa e gambe.

Bennacer 6,5 – Incoraggiante anche il suo rientro. Utile che Tonali con queste prestazioni tenga alta anche la concentrazione dell’algerino.

Saelemaeker 6,5 – Galvanizzato dal gol in nazionale regala un assist bellissimo a Ibra che però spara in Belgio.

0no comment

writer

The author didnt add any Information to his profile yet

Leave a Reply