NEWS, papà van basten,

IL MILAN È UN’ALTRA COSA.

Leggo da più parti un certo scetticismo nei confronti del Milan primo in classifica. Addetti ai lavori e non, tifosi ed allergici al pallone.

Tutti pronti a sentenziare e a vomitare verità assolute, assiomi inconfutabili da distribuire e regalare ad un popolo accecato dalla frenesia dell’epoca che viviamo, o meglio, che ci ritroviamo a vivere.
Squadra giovane, squadra inesperta, rosa non all’altezza, troppe scommesse, troppe incognite.
E poi, quella che preferisco, “beh hanno perso a zero Donnarumma e Chala!1!1”, dove vuoi che arrivi una squadra che non può permettersi di rinnovare i propri TOP? (Sul Maradona Turco “TOP PLAYER” i discorsi da fare sarebbero tanti, ma non è questo il momento..)

Leggo di un Milan che pare sia lì per caso, leggo di un Milan paragonato al Leicester o ai nerazzurri di Bergamo, in quanto sorpresa e novità del campionato.
Con tutto il rispetto per i tifosi delle Foxes e dell’Atalanta, il Milan è un’altra cosa.

Che poi è tutto giusto e tutto sacrosanto per l’amor di Dio, ma è bene fare delle precisazioni, per rispetto di chi ama questo sport e anche e soprattutto per chi si affaccia adesso a questi palcoscenici.
E mi riferisco alle nuove generazioni, cresciute nel mito del Milan che “non può permettersi di dominare l’Empoli a San Siro..” (Perdonami SUPER PIPPO MIO, ti amo immensamente, ma questa proprio non riuscirò mai a digerirla..)

Il Milan è primo in classifica perché sa cosa vuol dire essere primo.

Il Milan è primo perché da anni ormai, lavora ad un progetto di ristrutturazione e ricostruzione che solo gli stolti e i negazionisti fanno finta di non vedere.
Il Milan è primo perché ha scoperto di avere con se una grande guida e un grande uomo prima che un grande allenatore.

Il Milan è primo perché oltre alle scommesse citate sopra, ha nello spogliatoio e in società, FINALMENTE, gente che sa cosa vuol dire fare questo mestiere. Gente che sa cos’è e cosa rappresenta il Milan.
Il Milan è primo perché da inizio anno, a ruota, fa a meno di Ibra, Theo, Brahim, Maignan, Kessie, Giroud, Rebic e Calabria e nonostante tutto non si è mai fermato.

Il Milan è primo perché ha vinto e continuato a vincere con le cosiddette “riserve”.
Il Milan è primo perché ha fatto 9/10 in campionato.
Il Milan è primo e punta allo scudetto perché è giusto che sia così e non dobbiamo aver paura di dirlo! Anzi, di urlarlo, finalmente!
Perché i campionati si possono vincere o perdere, perché si può arrivare primi o quarti allo stesso modo, ma non bisogna aver paura.
Questa non è concessa. Non lo era nei recenti tempi bui, per quanto giustificabile. A maggior ragione non lo è adesso.
Adesso che ci divertiamo a veder giocare questi ragazzi.
Adesso che finalmente siamo tornati ad emozionarci andando allo Stadio.

Dobbiamo ricordarci chi siamo, dobbiamo ricordarci da dove veniamo e cosa rappresentiamo.
Perché non scegli di tifare Milan ma è il Milan che ti sceglie e ti entra nelle vene.
Perciò è giunta l’ora di mettere da parte i timori e le superstizioni.
È giunto il momento di tirare fuori l’orgoglio e zittire tutti i teorici onnipotenti che, negli ultimi anni, hanno invaso le strade, i bar e le trasmissioni televisive, inculcandoci l’idea che è giusto e normale che il Milan oscilli tra il sesto e il decimo posto.

Mi dispiace signori miei ma io non ci sto più. È un gioco a cui non mi va più di giocare.
Perciò si alzi il sipario e cominci lo spettacolo: Il Milan è tornato e non vede l’ora di dimostrarlo!
FVCR!

0no comment

writer

The author didnt add any Information to his profile yet

Leave a Reply